Rino Follador “Poeta Contadino”

By at 27 gennaio, 2010, 10:03 am

Rino Follador è nato a San Dona’ di Piave (VE), dove risiede sulle rive della Piave Vecchia, coltivando il suo campo e la tenace passione allo studio di opere filosofiche e letterarie, tormentato da una profonda, inestinguibile necessità di conoscere.
rino follador - ulisse sarebbe scesoLe sue poesie, dal linguaggio semplice e scarno, a volte ermetiche ma piene di significati, rivelano una personalità complessa, originale.
Privazione, fatica, forza di penetrazione, ricerca continua.
Questa è la poesia di Rino.
Quando vuol capire e farci capire l’essenza delle cose, l’Autore ogni volta scava, penetra, effettua una disintegrazione che costa fatica e tempo infinito.
Il Poeta ha una sua visione particolare del mondo, una sua poetica, il senso radicato della democrazia e della partecipazione attiva alle responsabilità della vita.
Il suo amore agli elementi naturali “ terra – mare – vento “ traspare dal suo essere, dal suo vivere. Rino è, nonostante tutto, fondamentalmente un “
contadino “ con attaccamento alla sua terra, collegato ad un senso di libertà, di autonomia di scelte, vincolate al tempo e alle stagioni che si susseguono.
Autodidatta curioso e interessato, in continua ricerca, spirito tormentato ed accogliente “ …. Un uomo nuovo segna la via, solo col tempo e con fatica altri
possono seguire. Certi lo raggiungono, certi altri no ……… Contentiamoci di un solo uomo nuovo, unico e irripetibile “ scrive di lui Lucio Polo.
Follador pubblica nel 1971 la sua prima raccolta di poesie: “Un atto di ignoranza”, ben curata dall’Editore Bino Rebellato, con prefazione di Roberto
Garbisa.
Nel 2008 è stata pubblicata, con Piazza Editore, la raccolta poetica.
“Ulisse sarebbe sceso“ (sogno incompiuto) – con prefazione di Roberto Garbisa e breve nota biografica di Giancarlo Ruffato sul “Poeta-Contadino”.
Esiste poi una buona produzione di poesie sparse in antologie e pubblicazioni di premi letterari e tante altre, ancora inedite, “scritte su qualsiasi superficie libera disponibile” (book, pezzo di giornale, sacchetto, bolletta, busta, ecc.).
E’ uno dei fondatori del Circolo Letterario “10 Autori per Ca’ Tessère”, Circolo molto attivo che promuove interessanti incontri letterari a tema presso la sede dell’Associazione. Il ricavato delle varie iniziative, viene sistematicamente devoluto a scopo benefico.
Per Rino scrivere è “ un bisogno“, è necessità di esternare pensieri che vivono tumultuosi nell’anima, dove tornano insistenti i caratteri del ritorno all’infanzia, al ricordo mai sopito, della madre allora perduta.
Lucia Basso


Rino Follador ha vinto recentemente il primo premio al concorso letterario “Santa Rita” organizzato dall’Associazione “Amici dell’Umbria”.
L’opera premiata è la sua ultima raccolta “Ulisse sarebbe sceso” (sogno incompiuto).
La Direzione di “ORIZZONTI” si congratula con il cav. Rino Follador per il successo conseguito.

Categories : Vetrina


Non c'è ancora nessun commento.

Al momento l'inserimento di commenti non è consentito.