Quelli che la musica…

By at 3 maggio, 2011, 1:23 pm

Per quelli che la musica la conoscono e la amano, per quelli che, magari, non hanno particolari conoscenze, ma anche per quelli che la utilizzano soltanto come compagna di viaggio in auto, addirittura per coloro ai quali la musica non dice assolutamente nulla. Proprio per tutti, quello che si è appena concluso è stato un anno importante. Soprattutto a Ceggia, dove Amministrazione Comunale, Pro Loco e Biblioteca Civica hanno tracciato un percorso nel nome di questa nobile arte.
Tra il mese di aprile e maggio presso la splendida residenza Villa Marcello Loredan Franchin di Via Pra’ Levada si sono tenuti cinque incontri-concerto.
Obiettivo: rendere la musica un oggetto comprensibile. Cosa non da poco. Ma i relatori che si sono alternati nei vari incontri, accompagnati da splendidi interpreti hanno fatto il miracolo di trasformare i mostri sacri della musica: Beethoven, Schumann, Chopin, Liszt, in ospiti accessibili ai numerosi partecipanti.
Perché il progetto “Capire la musica” è stato accolto con grande entusiasmo da un pubblico variegato stimolato sia dal contenuto del programma messo in cantiere che dal contesto fisico in cui è stato attuato ( la storica Villa ed il suo parco ). Infatti godere di musica in ambiente di grande pregnanza storica è ben altra cosa che ascoltar musica in un sito anonimo.
Sull’onda di tanto entusiasmo l’estate musicale ciliense si è aperta poi con un  altro evento che ha avuto come protagonisti “I solisti Veneti”.
Venerdì 25 giugno, sempre a Villa Franchin i Solisti si sono esibiti in un concerto dal titolo “Danze e Follie”. Le musiche, è vero erano di Vivaldi, Cimarosa, Piazzolla, ma il festeggiato della serata è stato un mostro sacro della musica contemporanea, il maestro Ennio Morricone, che grazie agli auspici dei padroni di casa ha voluto con la sua autorevole presenza rendere omaggio agli sforzi che l’Amministrazione Comunale da sempre fa per divulgare la passione per la buona musica. I Solisti Veneti proprio per sottolineare l’eccezionale presenza del grande compositore di indimenticabili colonne sonore si sono, nell’occasione, resi interpreti di un collage dei suoi grandi successi.
A ristorare le calur e estive ci ha pensato venerdì 23 luglio l’Orchestra Sinfonica del Veneto Orientale ed il coro San Marco, diretti da Dino Doni. In programma musiche di Ludwig van Beethoven. Inutile dire che se si cercava una conferma sulla bontà della strada intrapresa, questa è stata sottolineata dalla presenza in Villa Franchin di un pubblico eccezionale e sempre più competente.
Pubblico competente ed alla ricerca di nuove emozioni quello che ha seguito con grande calore il Concerto d’autunno, sabato 23 ottobre, tenuto dai maestri Vasco Magnolato ( flauto ) e Renato Grandin ( chitarra ). Un dialogo a suon di note il loro che ha confermato la presenza sul territorio di talenti musicali di primissimo piano.
Ed a concludere un anno, all’insegna della musica, come giusto, il “Concerto di Natale”. La novità dell’edizione 2010 è rappresentata dall’Orchestra “Ventaglio d’Arpe”, unica in Europa nel suo genere per essere formata da 23 giovani promettenti arpisti di età compresa tra gli undici ed i venticinque anni. Il concerto è stato un omaggio a questo strumento angelico, simbolo di tranquillità che sa parlare alle attese più riposte dell’animo umano. Proprio quello che serve a chi, credente o non, a fine anno si appresta alla nascita di una nuova creatura. Se nel 2010 a Ceggia, grazie all’Amministrazione Comunale e alla Pro Loco, la musica ha trovato stabile dimora, l’augurio è che in questo nuovo anno, la musica….. non cambi.

Mariangela Doretto

Categories : Pro Loco Ceggia


Non c'è ancora nessun commento.

Al momento l'inserimento di commenti non è consentito.