FESTE D’AUTUNNO

By at 1 dicembre, 2011, 2:31 pm

Tra le oltre duecento manifestazioni che Jesolo organizza per i turisti ed i residenti, queste due: La Festa del Pane e quella dell ’Autunno,sono tra le più apprezzate dagli jesolani. Lo conferma Luigino Smaniotto, presidente della ProLoco, poiché si svolgono in autunno, quando tutti hanno terminato il lavoro turistico e si dedicano di più alla famiglia ed alla casa, riallacciando le amicizie ed i valori del quieto vivere in un piccolo paese, lontani dalle folle e caos estivo.
Quest’anno, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, dell’Associazione dei Panificatori di Venezia e di Veneto a Tavola abbiamo lavorato, grazie all’idea e la realizzazione di Mauro Pinel, campione italiano panificatori 2010 e terzo classificato ai mondiali 2011 di Lione in Francia proprio in questi giorni, per mettere in piedi la La Festa del Pane dove abbiamo avuto un afflusso di oltre 5.000 visitatori.
La manifestazione si è svolta in tutto il Centro Storico nelle giornate del 7- 8 e 9 Ottobre con la presenza di vari maestri panificatori provenienti dal Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Trentino Alto Adige,Friuli Venezia Giulia e naturalmente dal Veneto per far conoscere ai giovani delle scuole elementari ed ai loro genitori le proprietà del pane e di come viene prodotto. A tale scopo il nutrizionista Prof. Piergiorgio Pietta ha spiegato in una serie di conferenze l’origine del pane; se ne parla nella storia dell’antico Egitto di 3.500 anni a.C. quando scoprirono la fermentazione: un impasto lasciato all’aria e cotto il giorno dopo, risultava un pane più soffice e fragrante. Pietta ha inoltre parlato della validità del pane nelle diete e l’associazione del prezioso cibo, presente in tutte le culture del mondo, con il companatico.
E’ stata una manifestazione molto interessante sotto tutti i profili culturali e spettacolari, continua Smaniotto, poiché i visitatori hanno potuto assistere in diretta a tutte le preparazioni del pane, dalla spiga alla trebbiatura, con vecchi attrezzi adoperati nelle campagne, alla macina per ricavarne la farina, alla preparazione dell’impasto e del pane prima di essere posto nel forno per la cottura. E proprio per far capire ad una settantina di giovani alunni delle scuole elementari, i maestri panificatori ha nno fatto partecipare gli scolari a tutte le fasi della preparazione, compresa l’estraz ione dal forno del pane caldo. Alla mani festazione hanno partecipato anche i componenti della Remiera Jesolo, i quali hanno indetto una regata sul Sile con le insegne delle sei regioni, a bordo dei sandali, le particolari imbarcazioni lagunari.
La festa si è conclusa con una rappresentazione teatrale dove, naturalmente l’argomento principe era il Pane. Per quanto riguarda invece la Festa d’autunno svoltasi nei giorni 22 e 23 ottobre, continua Smaniotto, ideata da noi otto anni orsono, prima con l’esposizione di poche bancarelle adorne di fiori e castagne, accompagnate dalla festa del maiale, si è evoluta allargandosi in tutto il Centro Storico. Dal prato antistante il municipio, a piazza 1° Maggio, a tutte le vie del paese comprendendo anche piazza Kennedy adibita a parco dei divertimenti con giostre e bancarelle di dolciumi per i bambini.
Quest’anno la manifestazione ha raggiunto il suo culmine per la varietà di esposizioni che andavano dalle variopinte bancarelle adorne di profumi, candele, lampade e oggetti per la casa, alla gastronomia più raffinata e tipica delle varie regioni che hanno partecipato. Sono stati allestiti un teatro per i bimbi, un concerto tenuto dagli allievi dei corsi di musica jesolani, un laboratorio creativo sul naso di Pinocchio, mentre per le vie un nutrito numero di musicisti allietavano la giornata di festa con canti e balli. Sono state giornate meravigliose all’insegna della festa vera con sapori e odori com’era ai miei tempi quando ero bambino, spiega Smaniotto.
Girovagando per il parco delle rimembranze c’erano gruppi di giovanissimi in attesa di poter andare a cavallo per il battesimo della sella, nell’apposita area in riva al fiume, oppure si poteva ammirare il volo dei falchi a cura dei Falconieri di Ion i quali esponevano i loro migliori esemplari. Poco lontano invece gli atleti di Taekwondo Drago Jesolo, l’arte dei pugni e dei calci in volo, un’arte marziale coreana (e sport nazionale in Corea del sud) nonchè l’arte marziale che conta il maggior numero di praticanti in tutto il mondo, si allenavano sferrando colpi con le mani e i piedi sotto l’attento sguardo dei numerosi presenti. Interessante e nuova è stata anche la Dogdance, la particolare disciplina sportiva dell’obedience che consiste nel far eseguire al cane esercizi e figure a tempo di musica, con l’obiettivo di mostrare il cane e il conduttore in un programma musicale creativo. Anche in questo caso l’iniziativa ha riportato un enorme successo con molte richieste di ripetizione.
Una parte della festa è stata dedicata anche al palato con la degustazione della pera di Venezia ed i prodottidell’autunno per conoscere le eccellenze del territorio attraverso i vari abbinamenti come: il gelato al gusto di pera (la coppa Kaiser), il vino rosso Cannonau e pecorino, il cioccolato e la pera, il raro miele della barena di Venezia e il riso della Fagiana e molti altri prodotti. E’ stata una carrellata di abbinamenti e gusti presentati e illustrati dai gestori delle varie attività locali a tutti coloro che si presentavano presso l’apposito stand di piazza 1° Maggio per un assaggio.
Bepi Priviero

Categories : Pro Loco Jesolo


Non c'è ancora nessun commento.

Al momento l'inserimento di commenti non è consentito.