PRO LOCO QUARTO D’ALTINO: 30 anni, ma non li dimostra

By at 28 marzo, 2014, 9:20 am

Ha trent’anni la Pro Loco di Quarto d’Altino  e, a giudicare dalla sua carica di energia, sembra ancor più giovane.
L’attuale presidente, Giulia Buso, si compiace di sentirsi al comando di una “giovane” associazione; giovane almeno nello spirito e che accomuna i suoi soci nello scopo di creare piacevoli momenti di aggregazione e di divertimento. In effetti di tempo ne è passato da quel lontano 1984 quando, è necessario ricordarli, Pier Luigi Benettello, Giancarlo Beraldo, Mario Bonesso, Luigi Guerrasio, Giuseppe Nicoli e Antonio Miola si ritrovarono da un notaio e stabilirono di fondare l’associazione Pro Loco di Quarto d’Altino.
Da quel giorno molta acqua è passata sotto il ponte del fiume Sile, quel delicato fiume che accarezza Quarto e scivola via, lento e silenzioso. Molta acqua e quattro presidenti: Luigi Guerrasio, Pierluigi Benetello, Renato Salomoni e Giulia Buso si sono succeduti al comando di questa associazione che coinvolge, in vario modo e direttamente, tutto il territorio e la sua gente.
Tutti coloro che, presidenti o soci, si sono succeduti nel tempo, sono sempre rimasti in qualche modo vicini alla Pro Loco. Oggi  Guerrasio anima un’altra associazione importante, la Fenix II, Salomoni cura la Help for children Veneto onlus,  e tutti gli altri li incontriamo spesso ad ogni occasione in cui la Pro Loco è in piazza.
L’attuale presidente è la prima donna nella storia della sua gestione e donna è anche l’attuale Sindaca Silvia Conte. Non a caso accostiamo le due figure: la Pro Loco ha sempre lavorato per “favorire, sostenere e promuovere attività culturali, sportive, turistico-folcloristiche, ricreative e l’impiego del tempo libero” come recita l’art 3 dell’atto costitutivo depositato con atto notarile n.15245 del 28 maggio 1984. Queste attività, che appartengono anche alle competenze del Comune, vengono create per i cittadini di Quarto d’Altino e delle sue frazioni e per gli ospiti.
Molti, inoltre, sono i soci volontari che collaborano direttamente a tutte le iniziative. Ma c’è un problema: si riuscirà presto a trovare giovani in grado di rimpiazzare coloro che col tempo usciranno dalla squadra? Alcuni ragazzi si sono già avvicinati e lavorano sodo: sono ragazzi d’oro! Ci auguriamo solo che tengano il ritmo per almeno altri 30 anni!
Comune e Pro Loco, dunque,  sono e sono sempre state molto vicine come spirito ed intenti. Oggi abbiamo anche un protocollo di intesa, una convenzione, che stabilisce quello che fino a poco tempo fa era solo un tacito accordo: in esso sono indicati i reciproci rapporti e ruoli nella programmazione delle attività per ottimizzare risorse e risultati. Chiaro sintomo che l’Amministrazione comunale ha ben a cuore la realizzazione di momenti di socializzazione soprattutto in quella piazza San Michele che finalmente oggi Quarto possiede e sulla quale si svolgono la maggior parte degli eventi. D’altra parte per la Pro Loco è motivo di grande apprezzamento avere il pieno appoggio del Comune e, soprattutto, poter contare su una necessaria e proficua collaborazione che sostenga e renda realizzabili i progetti a volte molto impegnativi.
Scollare delicatamente le pagine del “vecchio” atto notarile è come sfogliare trent’anni di una piccola storia locale.
Spuntano, sullo sfondo, le non meno importanti figure di chi è sempre stato presente a tutte le attività di questi 30 anni: non solo per cucinare, ma anche per programmare le attività, ricercare le orchestre e le animazioni, i contributi e gli sponsor, per correre da una parte e dall’altra perché manca sempre qualche cosa all’ultimo momento, per allestire i capannoni e gli spazi espositivi, per collaborare con la parrocchia per la loro festa settembrina, per preparare il falò de “ pan e vin” e, soprattutto, oggi più che mai, per fare in modo che tutto sia fatto a regola d’arte e cioè che i permessi (numerosi) ed i collaudi (impegnativi) siano stati fatti come la legge prevede, che siano stati pagati tributi e tasse. E chi più ne ha più ne metta. E’ anche questa la vita della Pro Loco. Non basteranno mai le parole per ringraziare tutti i volontari che rendono possibile questo.
Nel programma di quest’anno il regalo più bello che la Pro Loco potrà ricevere dalla popolazione sarà quello di essere gratificata con una presenza massiccia di pubblico alle varie manifestazioni che si svolgeranno da 24 aprile al 4 maggio. Ci saranno eventi già collaudati come le serate danzanti, lo stand gastronomico, gli intrattenimenti musicali e di danza, la festa del pesce, i gonfiabili per i bambini; ma ci saranno anche eventi nuovissimi come la presentazione di un realistico plastico dell’Altino romana, creato da Fenix II (inserito in un importante evento culturale e artistico), il 1° trofeo ciclistico provinciale, la sfilata per le selezioni di Miss Mondo, per citarne solo alcuni. E all’ultimo giorno sarà tagliata la torta dei 30 anni e fette per tutti. Tanti auguri Pro Loco !

Claudio Widmar

Il plastico del Sile, che ha ricevuto la medaglia del Presidente della Repubblica, in esposizione nel salone del Palazzo dei Trecento a Treviso. – Quarto d’Altino-

Categories : Pro Loco Quarto d'Altino


Non c'è ancora nessun commento.

Al momento l'inserimento di commenti non è consentito.