Le origini del nostro Agro Centuriato

By at 12 dicembre, 2014, 1:10 pm

Le radici di Noventa affondano nel più remoto passato. Reperti archeologici, emersi dagli scavi effettuati alla fine degli anni settanta del secolo scorso, attestano che la zona corrispondente all’attuale centro del paese era abitata sin dal I secolo a.C.

Il territorio faceva parte di una centuriazione nell’agro meridionale dell’antico municipio romano di Oderzo ed era attraversato da una importante strada che collegava proprio questa città con Altino. Nel periodo successivo l’epoca romana, Noventa subì il destino di tutto l’entroterra lagunare, con l’invasione e la distruzione da parte delle orde barbariche, che dal Friuli irruppero, a più ondate, nella pianura veneta. Da quegli anni oscuri, anche per mancanza di qualsiasi documentazione, Noventa riemerge e si consolida come centro intorno al X secolo. Fondamentale per la sua rinascita fu l’autorizzazione che i Veneziani ottennero dall’imperatore Ottone III nel 996, per costituire un porto e un mercato sul Piave.

La nascita degli insediamenti dei coloni romani nei territori di Noventa di Piave trova origine secondo un racconto leggendario riportato da Floro, Tito Livio, Lucano e Quintiliano, nell’ambito della guerra civile che oppose Caio Giulio Cesare e Gneo Pompeo Magno.

Durante tale conflitto nel 49 d.C. nei pressi di Fiume il tribuno Militare Gaio Volteio Capitone preferì morire con un migliaio di volontari provenienti da Opitergium, piuttosto che arrendersi alla flotta di Pompeo.

Come ricompensa nel 49 d.C. Cesare decretò per gli abitanti di Oderzo lo status di cittadini romani, l’esenzione del servizio militare per 20 anni e la creazione di 300 nuove centurie tra cui l agro centuriato di Noventa.

Categories : Pro Loco Noventa


Non c'è ancora nessun commento.

Al momento l'inserimento di commenti non è consentito.